Stavolta ho da dire addirittura due cose, non so come mai

Cesare Viviani

Stavolta ho da dire addirittura due cose, non so come mai, forse perché ieri è nata mia nipote (lo stesso giorno di Dostoevskij, che bello) e sono contento, e dalla contentezza alla logorrea il passo è breve.

Sono piuttosto due testimonianze di altrettanti miei stupori.

Il primo stupore me lo suscitano i tanti genitori di oggi che mi sembrano terrorizzati dall’eventualità di lasciare andare i propri figli. E mi verrebbe da chiedere loro: fino a che punto, e fino a che età, li vorrete proteggere da tutto? E mi viene in mente quando, bambino, giocavo a calcio a Villa Scassi (ah, Villa Scassi…) e ogni tanto un tossico crollava in overdose a pochi metri da noi. Secondo me, uno quando fa un figlio dovrebbe soprattutto ricordarsi che nessuna esistenza può essere priva di rischi.

L’altro stupore lo provo nel constatare quante persone badano a mostrare solo il versante positivo della propria vita: ho fatto, ho detto, sono riuscito a.
Solo io mi danno per tenere a freno la mia aggressività, il mio egoismo, le mie tentazioni razzistiche, la mia voglia di parlare male degli altri e addirittura – perché no – di fare del male agli altri? Ho la sensazione di condividere il pianeta con individui che la notte, prima di prendere sonno, fanno l’elenco dei traguardi quotidiani raggiunti, mentre io di solito mi domando se durante il giorno mi sono comportato da persona perbene o da uomo di merda.

Ed è possibile istituire un collegamento tra le due cose, dico tra i miei due stupori, o almeno credo. E il collegamento è che c’è chi prende la vita come teatro dell’affermazione di sé, e chi prende sé e gli altri come corpi in cui la vita si innerva, con tutto ciò che di incomprensibile e incoercibile la vita ha, la vita, belin, la vita, la vita io la ritrovo precisa nei miei due gatti ogni volta che, appena scampati a un pericolo mortale, mangiano o giocano come se niente fosse.

(la poesia è di Cesare Viviani)

 

(pubblicato su Facebook il 12 novembre 2022)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...