Questa foto dice tutto

Fabio Stassi

Questa foto dice tutto del memorabile incontro di ieri sera con Fabio Stassi.

Guardate Fabio: pur già magrissimo, è come se cercasse di scomparire.

Non mi interessa, qui, parlare dei bei libri di Fabio (basta una rapida ricerca in Rete per avere una prima idea della sua caratura). Voglio piuttosto dire dell’ora e mezza passata con lui a cena, delle chiacchiere prima della presentazione e dopo.

Fabio non ha praticamente mai accennato a sé. Ha domandato di me, della mia vita, della mia scrittura. Abbiamo evocato amicizie comuni, amori letterari comuni. Luoghi, aneddoti, paradossi. Ci siamo commossi, all’uscita del ristorante, perché dall’impianto audio è scaturita “Suzanne” di Leonard Cohen.

Fabio Stassi mi ha ricordato che chi scrive non deve necessariamente considerare sé, o le proprie opere, il centro del mondo.

Imparatelo, amici scrittori. Intanto, per diventare persone più affabili. E poi, scommettiamo che anche la vostra scrittura migliorerebbe?

Ieri, durante la presentazione, un aggettivo è stato ripetuto più volte: concavo.

Fatevi concavi, scrittori.

Scrivere non è andare alla conquista del mondo, bensì accoglierlo.

Scrivere non è andare alla conquista degli altri, bensì accoglierli.

 

(pubblicato su Facebook il 19 giugno 2021)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...