Tempi

Anche il fuoco della scrittura, se non viene alimentato, si spegne.

C’è chi ritiene che per uno scrittore sia non solo vantaggioso, ma addirittura necessario, presenziare i festival e i social network; e più in generale spingere, non appena se ne abbia la possibilità, la propria opera. La verità è che più ci si concentra sull’aspetto promozionale della scrittura, più si palesa il timore che la propria opera non basti a se stessa. L’ansia per la notorietà supera (sostituisce) la passione per lo scrivere.

Ma soprattutto: ogni energia spesa per la promozione della scrittura è inevitabilmente sottratta allo scrivere. Finché il fuoco non si spegne.

Certo: promuoversi può dare gratificazioni immediate. Scrivere no, nemmeno si capisce se tanta fatica avrà mai un compenso. Quale? E quando?

Così possiamo dire che chi si concentra sulla promozione della scrittura si accorda al tempo della propria vita; chi invece si concentra sullo scrivere – sgombro dal peso di sé – si accorda al tempo dell’universo.

 

(pubblicato su Squadernauti il 13 gennaio 2015)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...